giovedì 31 luglio 2014

Ritardi quotidiani, non più rinviabile il Piano Trasporti

Volendo continuare sulla qualità dei servizi denunciamo quanto è accaduto giovedì 24 luglio al treno regionale veloce 12878 delle ore 13.56 in partenza da Catania per Messina.
Ore 13.56 nessun treno al binario e nessun annuncio sullo stato del treno (invisibile).

Alle ore 14.20 veniva fatto il primo annuncio che il treno 12878 sarebbe partito con 30 minuti di ritardo, ma il treno ancora al binario non c’era. Circa 300 persone al binario 4, visto che si era accumulata l’utenza del treno veloce ma invisibile 12878 delle ore 13.56 e nel frattempo si era unità l’utenza del treno regionale 12880 delle ore 14.23 stesso percorso ma con ben 7 fermate e circa 35 minuti in più di percorrenza. Tutti i viaggiatori non avendo ricevuto nessuna certezza sulla partenza del treno invisibile siamo saliti a bordo del treno regionale 12880 delle 14.23, mentre veniva annunciato che il treno veloce 12878 sarebbe partito con 70 minuti di ritardo ma del treno invisibile nemmeno l’ombra.

Benvenuti al "Camping Stazione Centrale". Treni fantasma e binari abbandonati...

In tenda alla stazione centrale di Catania, per una vacanza da trascorrere in tutta mobilità e all'aria aperta.
Venuta meno l'offerta dei servizi da offrire all'utenza alla stazione centrale di Catania, visto che da diversi anni ormai il bar, l'edicola, l'ufficio informazioni e accoglienza turistica ed altre attività commerciali hanno chiuso, qualcuno ha pensato bene di trasformare una parte della stazione in camping per le vacanze estive.
Di certo una bella trovata...chissà quanto verrebbe a costare una settimana di vacanza? E dove eventualmente prenotare?

domenica 27 luglio 2014

Ritardi circolazione R 12754 S.Agata Militello-Messina

Facendo seguito ai numerosi reclami di pari oggetto pervenute al ns Comitato Pendolari Siciliani, nello specifico, il treno accumula sino alla stazione di Milazzo 10/15 minuti di ritardo a causa della mancata puntualità del treno intercity notte proveniente da Roma Termini incrociato presso la stazione di Gioiosa Marea.
Tale attesa viene effettuata in maniera persistente giornalmente , disattendendo quanto acclarato  dall’articolo 7  della prefazione all’orario Generale di Servizio che espressamente prevede la priorità dei treni regionali rispetto ai treni Espressi, IC, merci, etc., nell’arco temporale compreso dalle ore 6.00 alle ore 09.00.
Si invita chi di competenza a voler valutare l’ ipotesi di rendere il treno in oggetto più puntuale nelle stazioni intermedie, pur avendo costatato che nonostante i ritardi accumulati nelle stazioni intermedie, alla stazione di Messina C.le il treno termina la corsa in perfetto orario.
Trenitalia spa per la regione Siciliana
Dipartimento Infrastrutture, Mobilità e Trasporti per la Regione Siciliana
RFI spa per la regione Siciliana
Torrenova, 27.07.2014

Mondì Francesco  Pendolari S.Agata Messina - Comitato Pendolari Siciliani - Ciufer

Area ex scalo merci stazione di S.Marco d’Alunzio-Torrenova, le richieste del Comitato Pendolari

Messa in sicurezza area ex scalo merci Stazione di S.Marco d’Alunzio-Torrenova
Dopo gli interventi di pulizia e scerbatura effettuati in questi giorni, il Comitato Pendolari Siciliani ricorda nuovamente che ad oggi non è stato fatto alcun intervento per la messa in sicurezza dell’area ex scalo merci, ovvero ripristino cancello mancante e recinzione dell’area.
I nostri solleciti sono vari e storici, nello specifico ( 07/09/2012 – 14/05/2013), circa due anni di richieste di intervento ma ad oggi ancora nulla è stato fatto (vedi foto allegate).
Al Sig. Sindaco del Comune di Torrenova
RFI spa per la Regione Sicilia
E p.c.
Dipartimento Infrastrutture,Mobilità e Trasporti - Regione Sicilia
Trenitalia spa per la Regione Sicilia
Fiduciosi che tale missiva per la problematica in oggetto sia l’ultima, distinti saluti.
Torrenova, 27.07.2014
Mondì Francesco  Pendolari S.Agata Messina - Comitato Pendolari Siciliani -Ciufer


venerdì 25 luglio 2014

I (dis)Servizi alla stazione centrale di Catania e il treno invisibile

Un vero calvario per i pendolari i disservizi alla stazione centrale di Catania.
Annunci che non vengono effettuati in maniera tempestiva, annunci di treni in partenza ma al binario non vi è nessun treno, annunci di ritardi discordanti con i monitor info ai binari e molto spesso annunci solo in lingua italiana.
Volendo continuare sulla qualità dei servizi denunciamo quanto è accaduto giovedì 24 luglio 2014 al treno regionale veloce 12878 delle ore 13.56 in partenza da Catania per Messina.
Ore 13.56 nessun treno al binario e nessun annuncio sullo stato del treno (invisibile).
Alle ore 14.20 veniva fatto il primo annuncio che il treno 12878 sarebbe partito con 30 minuti di ritardo, ma il treno ancora al binario non c’era. Circa 300 persone al binario 4, visto che si era accumulata l’utenza del treno veloce ma invisibile 12878 delle ore 13.56 e nel frattempo si era unità l’utenza del treno regionale 12880 delle ore 14.23 stesso percorso ma con ben 7 fermate e circa 35 minuti in più di percorrenza. Tutti i viaggiatori non avendo ricevuto nessuna certezza sulla partenza del treno invisibile siamo saliti a bordo del treno regionale 12880 delle 14.23, mentre veniva annunciato che il treno veloce 12878 sarebbe partito con 70 minuti di ritardo ma del treno invisibile nemmeno l’ombra.
Giosuè Malaponti - Comitato Pendolari Siciliani

Vacanze in tenda alla stazione centrale di Catania

In tenda alla stazione centrale di Catania, per una vacanza da trascorrere in tutta mobilità e all'aria aperta. 
Venuta meno l'offerta dei servizi da offrire all'utenza alla stazione centrale di Catania, visto che da diversi anni ormai il bar, l'edicola, l'ufficio informazioni/accoglienza turistica ed altre attività commerciali hanno chiuso, qualcuno ha pensato bene di trasformare una parte della stazione in camping per le vacanze estive. 
Di certo una bella trovata...chissà quanto verrebbe a costare una settimana di vacanza? E dove eventualmente prenotare?


































martedì 22 luglio 2014

Un'ora di sciopero tra le 11.00 e le 12.00 per commemorare i tre ferrovieri Vincenzo, Luigi e Antonio

Domani 23 luglio 2014, ancora uno sciopero dei treni, a fermarsi per un'ora e precisamente dalle ore 11.00 alle ore 12.00 saranno i lavoratori di Trenitalia e del Gruppo Ferrovie dello Stato che aderiscono alle sigle sindacali Filt, Fit, Uil, Ugl, Fast e Orsa.
Un gesto di solidarietà, di sensibilizzazione, di protesta e l’occasione per commemorare i tre ferrovieri Vincenzo Riccobono, Antonio La Porta e Luigi Gazziano morti sul lavoro giovedì 17 luglio 2014 in Sicilia.
Un fischio prolungato dei mezzi di trazione ad inizio sciopero alle 11.00 e la lettura nelle stazioni del seguente comunicato stampa:"I ferrovieri esprimono il loro profondo cordoglio per la morte dei colleghi Riccobono Vincenzo, La Porta Antonio e Luigi Gazziano deceduti sul lavoro. 
Non è più possibile assistere a simili tragedie: la sicurezza sul lavoro deve essere al primo posto di ogni azione sindacale, politica e aziendale".

Cub Trasporti Ragusa. Incidente ferroviario di Butera: non si muore per caso

Ragusa. La tragica morte di tre ferrovieri sulla linea Gela-Licata, nei pressi della stazione di Butera, avvenuta giovedì 17 luglio, ci ha colpiti come un macigno: tre colleghi, esperti e anziani, muoiono investiti da un treno in un tratto di linea definita a scarso traffico, dove transitano solo 6 treni al giorno. Com’è stato possibile tutto ciò? 
Le cause non vanno ricercate solo nell’eventuale errore o leggerezza di un qualche ferroviere adibito a mansioni che avevano in qualche modo a che fare in quel momento con la presenza dei tre operai lungo la linea e con la circolazione di un treno. Sarebbe troppo semplicistico, e di questo si occuperà la magistratura.
Ma ci sono cause più generali e importanti che possono farci comprendere le dimensioni e i contorni di questa disgrazia: in primo luogo lo stato di abbandono di certe tratte in Sicilia, che in quella ove è accaduto l’incidente è estremamente grave; in secondo luogo  la carenza di personale negli impianti adibiti alla manutenzione delle linee, la mancata assunzione di giovani  in seguito al pensionamento del personale anziano e la conseguente utilizzazione del personale residuo in zone sempre più vaste e meno conosciute. 
Quindi: meno personale, più chilometri da accudire, più lavoro da fare nella linea, col risultato che vanno a farsi benedire le normative sulla sicurezza, applicando le quali, i pochi lavoratori non riuscirebbero a svolgere nemmeno la metà dei loro compiti. Perché sicurezza vuol dire diminuzione dei ritmi di lavoro, tempi di attesa, tempo da dedicare alle procedure da mettere in atto. 
Finché tutto fila liscio, si procede così, quando però ci scappa il morto, allora vanno cercate le responsabilità, magari trovandole proprio nelle vittime, che tanto non possono parlare.
Una situazione che rischia di aggravarsi con la riorganizzazione imminente di RFI che mira a costituire mega impianti da dove il personale partirà giornalmente per andare a lavorare in linee sempre più lontane.
Se questo può accadere è perché da oltre vent’anni gli interessi del Gruppo FS si rivolgono quasi esclusivamente sull’Alta Velocità, lasciando che il resto delle linee regionali e del trasporto pendolari (ma anche del servizio merci), al Nord come al Sud, finisca nel degrado più assoluto. 
Degrado che in Sicilia ha toccato i limiti della decenza; qui le linee sopravvivono grazie alla buona volontà dei ferrovieri, alla loro abnegazione, alla loro disponibilità persino a mettere da parte i regolamenti sulla sicurezza a protezione della propria incolumità, pur di assicurare l’esistenza quotidiana delle ferrovie.
Adesso non si tratta di commuoversi e mandare messaggi di cordoglio alle famiglie: l’ipocrisia lasciamola agli sciacalli. 
La morte di Vincenzo Riccobono, di Antonio La Porta e di Luigi Gazziano devono averla sulla coscienza i vertici manageriali che hanno massacrato il trasporto su ferro, e con essi tutti i ministri e i governi che li hanno sostenuti e continuano a farlo e tutti quei politici che non hanno mosso un dito per ridare dignità e funzionalità alle nostre bistrattate linee e al servizio ferroviario.
Un appello a riflettere e a mettere in atto le necessarie pressioni perchè vengano coperte le piante organiche va fatto ai Responsabili degli impianti manutentivi, anch'essi in difficoltà per la grave carenza di personale a fronte della necessità di svolgere attività indispensabili per la sicurezza della circolazione dei treni, essendo perfettamente consapevoli che per svolgere le numerose attività lavorative assegnategli è necessario che i lavoratori mettano da parte i regolamenti che gli assicurano la sicurezza. 
Chi provi un sincero moto di sdegno non deve fare altro che rivolgerlo verso un impegno costante, accanito e coerente per il rilancio del trasporto ferroviario, contro le politiche di accentramento delle risorse, delle tecnologie e degli interessi attorno all’alta velocità. 
Domenica 20 luglio in Valle Susa gli attivisti NO TAV hanno bloccato un TGV in transito in memoria delle vittime di Butera: di questo tipo di solidarietà, e di seri impegni di lotta abbiamo tutti bisogno perché stragi di questo tipo non si ripetano mai più.
Ragusa, 22 luglio 2014
Coordinamento provinciale CUB Trasporti

sabato 19 luglio 2014

Tre vite spezzate in una tragica vicenda lavorativa sulla linea ferroviaria Gela-Caltanissetta

La fatale tragedia occorsa ai tre operai di Rete Ferroviaria Italiana ci colpisce nel profondo del cuore. Ci affligge questa drammatica morte di padri di famiglia intenti nel compiere il proprio dovere per la salvaguardia e la sicurezza di chi giornalmente viaggia in treno. Non ci sono parole per esprimere il nostro rammarico ed il nostro cordoglio ai familiari di Antonio, Vincenzo e Luigi.
Comitato Pendolari Siciliani

Linea Palermo-Agrigento - Variazioni orari treni dal 20 luglio al 31 agosto 2014

Da domenica  20 luglio sino al 31 agosto 2014 l’offerta dei treni regionali sulla linea Palermo-Agrigento subirà modifiche agli orari dei treni. 
 

sabato 12 luglio 2014

Treni fermi da Fiumefreddo di Sicilia per un guasto alla linea aerea. Dalle 21.00 inizio sciopero

Interruzione della circolazione sulla linea Siracusa-Messina dalle ore 14.30 circa per un guasto alla linea aerea. A tutt'ora non ancora ripristinata la circolazione. Sono in atto i trasferimenti da Fiumefreddo di Sicilia con bus sostitutivi in direzione Messina. Alle ore 21.00 ha inizio lo sciopero dei treni sino alle ore 21.00 di domenica 13 luglio 2014.

giovedì 10 luglio 2014

Treni sciopero sabato 12 e domenica 13 luglio 2014

Nuovo sciopero dei treni in programma dalle ore 21 di sabato 12 luglio alle 21 di domenica 13. L’agitazione è stata indetta dai sindacati O.S. CAT, O.S. CUB Trasporti e O.S. USB Lavoro Privato e coinvolge il personale di Gruppo Fsi, Ntv e Trenord.
Le Ferrovie delle Stato comunicano che le Freccie viaggeranno regolarmente e che per gli altri treni nazionali non si prevedono particolari ripercussioni. 
Saranno assicurati tutti i convogli elencati nell’apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, ma non sono previste le fasce orarie di garanzie previste soltanto per i giorni feriali. 
Lo sciopero interessa anche il personale dei traghetti tra Messina e Villa San Giovanni: garantite sabato le corse 30 e 29 e domenica le corse 10, 9, 14 , 13, 16, 15, 22 e 21.

Spadafora ultimati i lavori della strada di accesso alla stazione ferroviaria

Giunti al termine da qualche settimana i lavori della strada di accesso alla stazione ferroviaria di Spadafora, effettuati da Rete Ferroviaria Italiana.





mercoledì 2 luglio 2014